Eventi‎ > ‎

Conferenza a Pordenone del M. André Cognard

pubblicato 28 nov 2011, 04:34 da Formazione Ast   [ aggiornato in data 7 dic 2011, 06:05 ]
"Pordenone incontra il Giappone" è una conferenza tenuta presso il Consorzio Universitario di Pordenone dove è invitato il M. André Cognard, Mercoledì 30 Novembre 2011
  • “La Società Giapponese e il Budo: comprendere il Giappone attraverso la tradizione 
"Il Giappone è una delle prime potenze economiche al mondo. Ha un territorio ridotto rispetto alla Cina o agli USA , ma il suo modello sociale e quindi anche lavorativo sembra essere ineguagliabile in termini di efficienza. 
Per comprendere o almeno intuire i meccanismi che stanno alla base di questo successo e per poter stabilire delle relazioni, a qualsiasi livello, all'interno del contesto sociale giapponese, occorre andare in profondità. 
Cosa esprime un giapponese nella vita di tutti i giorni, in termini di gestualità e di etichetta? Perché vi è la costante ricerca della perfezione, a tutti i livelli? Quale insegnamento possiamo trarre, al di là della fascinazione, dal fatto che le arti tradizionali e le discipline corporee, anche marziali, da secoli caratterizzano il tessuto della società giapponese? Perché in Giappone è il singolo al servizio del gruppo (e non il contrario)? Perché funziona, anche al di là delle recenti catastrofi, il “sistema Giappone”? Qual è l’anima del Giappone?" 
  • “Aikishintaiso: una modalità di approccio alla complessità corporea” 
"La relazione “paziente – terapeuta” definisce i ruoli dei soggetti a partire da una patologia. Non stupisce quindi che spesso l’azione terapeutica travalichi il soggetto “individuo” rendendolo oggetto di una metodologia a lui totalmente sconosciuta ed estranea. 
L’indagine sul ”paziente oggetto” viene effettuata sulle base di analisi obiettive e strumentali che sono indispensabili ma che non tengono conto della unicità dell’individuo data dalla sua storia, non solo recente, ma anche antica, primordiale, alla quale anche la memoria cosciente dell’individuo stesso non ha accesso. Spesso quindi l’azione terapeutica trova delle resistenze inspiegabili in quanto non è in grado di accedere a quelle sofferenze che il corpo esprime ma che non sappiamo riconoscere. Certamente il corpo è estremamente complesso e questa complessità riguarda aspetti non solo anatomici, fisiologici e fisiopatologici ma anche energetici, simbolici e ambientali. 
Cosa ci racconta il corpo? Fino a quale profondità della storia dell’individuo possiamo accedere?
È riconoscibile uno stato di sofferenza? Come poter eventualmente intervenire? 
L’aikishintaiso (ai è armonia, ki energia, shin cuore, tai corpo, so movimento) è una disciplina che si fonda sulle più antiche pratiche corporee della tradizione estremo orientale e giapponese in particolare. 
Essa fornisce una chiave di accesso e di interpretazione della complessità corporea e delle sue dinamiche." 

Con l'occasione, sempre a Pordenone, verrà presentato il libro "Vivere senza nemico", del M. Cognard, con un incontro con l'autore alla "Libreria del Centro". 

Nel volantino tutte le informazioni, dettagli ed orari sull'evento.
Ċ
Formazione Ast,
28 nov 2011, 04:34
Comments